Come fare una candela naturale (non solo) con la cera di soia? Istruzioni passo per passo per i principianti assoluti

Come fare una candela naturale (non solo) con la cera di soia? Istruzioni passo per passo per i principianti assoluti
La produzione di candele è ancora in pieno svolgimento! E non ne siamo sorpresi. Realizzare candele fatte in casa è molto divertente, rilassante e allo stesso tempo molto coinvolgente. Entrate con noi nella produzione di candele naturali, anche senza esperienza precedente.Ulteriori informazioni
Ingredienti per questa ricettaUn geyserCeraStoppini con pennacchiContenitore per candeleProfumazione
Puoi acquistare i singoli ingredienti proprio sotto la procedura
Descrizione

Oggi prepareremo una candela di cera vegetale passo dopo passo. In modo che possiate godervi la produzione senza intoppi e confusione, senza altre esperienze.

Fare le proprie candele è come fare qualsiasi cosa nuova. Gli inizi sono i più difficili, ci sono forse troppe informazioni ovunque e la maggior parte delle istruzioni presuppone già una certa conoscenza del mondo delle candele.

Non prendiamoci in giro, i risultati possono essere incerti e a volte le cose non vanno bene al primo colpo. Soprattutto per quanto riguarda la produzione di candele, però, non lasciatevi scoraggiare dai fallimenti: anche i creatori di candele più esperti spesso falliscono. A volte si ha la sensazione che le candele siano vive e, a seconda del loro stato d'animo, decidano da sole se hanno voglia di sprigionare gioia o se doneranno ai loro creatori uno stato d'animo piuttosto malinconico. Ma la gioia supera sempre la tristezza. Pertanto, quando le cose non vanno bene, non bisogna abbattersi e ricordare che la candela può sempre essere rimessa a bagnomaria, sciolta e la cera e lo stoppino riutilizzati (e meglio).

È possibile realizzare una candela fatta in casa con una manciata di strumenti e attrezzature, ma la cosa principale è la preparazione teorica: prima di iniziare a creare in pratica, prendetevi qualche minuto per acquisire un po' di know-how. All'inizio è sempre meglio scegliere candele minimaliste, contenitori, disadorne e persino non profumate. Inoltre, ogni ingrediente di una candela influisce sulla sua combustione. Quindi, prima di tutto prendete confidenza con il comportamento della cera e con la sua lavorazione e, solo quando avrete preso confidenza, dedicatevi a creazioni di candele più sofisticate.

Inizieremo con una candela contenitore, cioè in un contenitore, per la quale abbiamo bisogno di: cera, stoppino e piastra, e il contenitore, cioè il recipiente.

Cosa fare?

Il primo passo è decidere che tipo di candela si vuole fare, quanto grande e con che tipo di stoppino. Le guide alle candele vi aiuteranno a scegliere e a scegliere bene: assicuratevi di non saltarle e, soprattutto se è la prima volta che fate una candela, cercate le combinazioni di contenitori e stoppini consigliate.

Questo articolo sarà essenziale per voi:

La grande guida alla fabbricazione delle candele: come combinare cere, stoppini e imballaggi - Ekokoza.it

Se avete bisogno di un ulteriore aiuto nella scelta del tipo di stoppino e del tipo di cera, leggete anche questi articoli:

Guida alle cere naturali: tipi di cere e come usarle - Ekokoza.it

Quale stoppino scegliere quando si preparano o si acquistano candele naturali? Legno e cotone - Ekokoza.it

Prima di iniziare la produzione vera e propria, leggere tutte le istruzioni che verranno utilizzate. Quindi, organizzare il luogo e lo spazio in cui si realizzerà il lavoro. Ricordate che lavorerete con la cera calda, che è grassa. Pertanto, è sempre opportuno coprire la superficie con giornali, carte o altri materiali che non vi faranno rimpiangere di essersi macchiati.

Preparate tutti gli strumenti e gli ingredienti (qui sotto) e mettetevi all'opera!

Che cosa ci serve?

- Stufa, fornello, piano cottura

- Pentola d'acqua

- Un contenitore per la fusione della cera a bagnomaria che si inserisca comodamente in una pentola d'acqua (l'ideale è un geyser o un altro contenitore refrattario con manico e becco o beccuccio per versare comodamente la cera)

- Cera (di soia o vegetale): come scegliere?

- Stoppini con pennacchi (scelti in base al diametro del contenitore della candela): come scegliere?

- Contenitore per candele: come scegliere?

- Profumazione arbitraria (se volete una candela profumata): come scegliere?

- Bastoncini per mescolare la cera

- Pioli per il fissaggio dello stoppino

- Colla o pistola a caldo

Come fare?

Stoppino e piastra

Dalla guida alle candele dovreste già sapere che si sceglie lo stoppino in base al diametro del contenitore. Un tipo e una dimensione di stoppino ben scelti garantiscono che la candela non formi un tunnel = che non rimangano depositi di cera non fusa sui lati del contenitore o che la candela non bruci troppo rapidamente.

La lunghezza dello stoppino deve essere di circa 2 cm superiore all'altezza del contenitore, in modo che lo stoppino sia facile da lavorare durante la produzione e possa essere comodamente fissato al centro della candela.

Se si lavora con uno stoppino senza sigillante, fissare prima il sigillante allo stoppino (con un punteruolo o facendolo scattare in posizione). Una volta fissato lo stoppino al tovagliolo, posizionarlo esattamente al centro del contenitore. Una volta che lo stoppino è centrato, è possibile (si consiglia) utilizzare una pistola a caldo o una colla per attaccare lo stoppino al fondo del barattolo per evitare che si muova. In cima al barattolo, fissare lo stoppino al centro con uno spillo (o con spiedini, bacchette o un porta stoppino).

Cera - quanta sciogliere e come versarla

Sciogliamo la cera a bagnomaria. Versare circa 3 cm di acqua nella pentola, quindi scaldare la pentola d'acqua sul fornello o sulla stufa in modo che l'acqua sia calda.

Misurare la quantità di cera desiderata nel barattolo o nel contenitore in cui la cera si scioglierà. La cera solida si presenta solitamente sotto forma di fiocchi, bacche o piccoli bastoncini. Questi perdono volume quando vengono riscaldati. Tuttavia, è facile calcolare la quantità di cera solida necessaria: prendete il contenitore per candele scelto e riempitelo una volta completamente e una volta a metà con bacche di cera (è meglio farlo prima di attaccare lo stoppino al contenitore - questo non è l'unico motivo per cui è sempre saggio leggere il "compito completo" prima di risolvere il problema. :)

Mettere questa quantità in un contenitore per la fusione della cera a bagnomaria e lasciarla sciogliere. Quando si scioglie la cera con gli spiedini, si può mescolare delicatamente o piuttosto muovere la cera, ma non frullarla mai - cercate di evitare bolle d'aria.

Se vi state chiedendo quanta cera esce per grammo, purtroppo non è facile da determinare. Ci sono differenze nei tipi di cera, nell'altezza del ripieno di cera, nella quantità di profumo e di colore, nella decorazione o meno della candela, nel tipo di stoppino...

In generale e in modo impreciso, possiamo dire che per una candela da 100 ml sono necessari circa 80-90 grammi di cera.

Anche la temperatura a cui si riscalda la cera e a cui si versa la cera nelle candele è un fattore molto importante. Ogni cera ha un punto di fusione e la temperatura di colata appropriata è leggermente diversa. In generale, tuttavia, anche in questo caso non è una buona idea riscaldare la cera di soia (anche se mescolata con altre) o la cera di canola a una temperatura superiore ai 90 gradi, poiché ciò può causare scolorimenti e alterazioni della consistenza. La cera di palma può tollerare temperature più elevate.

Non versare mai la cera in contenitori freddi. Più la temperatura del contenitore è vicina a quella della cera, più il risultato sarà gradevole. Soprattutto nelle giornate fredde, è quindi opportuno preriscaldare i contenitori (nel forno o sul termosifone).

Versare la cera nei contenitori (preriscaldati) molto lentamente e con calma, sempre in modo da far entrare meno aria possibile.

Indurimento della cera

Nessuna cera ama i grandi sbalzi di temperatura. Pertanto, non bisogna affrettare il raffreddamento e l'indurimento della cera. Anche se capiamo che non vedete l'ora di accendere la vostra candela e che volete accenderla il prima possibile, resistete all'impulso di metterla in frigorifero o addirittura dietro una finestra sul davanzale per farla indurire il più rapidamente possibile.

Al contrario, è auspicabile rallentare il raffreddamento, quindi, soprattutto in inverno, avvolgere delicatamente ogni candela in un asciugamano (ognuna separatamente) in modo che si raffreddi lentamente nel piacevole tepore. Inoltre, lasciate alle candele tutto lo spazio necessario per sciogliersi: non impilatele troppo vicine per evitare che si riscaldino a vicenda in alcuni punti. La cera deve rapprendersi in modo uniforme.

Trimmeria di stoppini

Il giorno successivo (o quando la cera è completamente fredda e dura) tagliare lo stoppino alla lunghezza appropriata. A noi piace usare le forbici per unghie. Funzionano bene anche con gli stoppini di legno. Rifilare gli stoppini classici di cotone a circa 0,5 cm dalla superficie della candela, quelli di legno a circa 0,2 cm dalla superficie della candela.

Accendere e spegnere la candela

Gli stoppini di cotone sono sicuramente facili da bruciare subito, ma quelli di legno possono essere un po' più difficili: se li usate, date un'occhiata a questo articolo: Perché gli stoppini di legno non bruciano e come risolvere il problema - Guida agli stoppini di legno - Ekokoza.it

Lasciare la candela accesa abbastanza a lungo, soprattutto quando la si accende per la prima volta, cioè fino a quando la cera non si è sciolta da un bordo all'altro del contenitore. Se si spegne la candela prima di questo momento, è probabile che la candela formi un cratere intorno allo stoppino quando brucia di nuovo. E la volta successiva che brucia, il cratere diventa più grande. E poi la volta successiva... Ci saranno strati di cera dura intorno ai bordi della candela e solo una parte della cera al centro si scioglierà. Soprattutto alla prima combustione (ma idealmente anche alle successive), lasciare il tempo necessario affinché la candela crei uno stagno solido e uniforme su tutta la superficie, in modo che la cera si sciolga intorno ai bordi del contenitore.

Di solito una candela ha bisogno di circa 2 ore per farlo, ma naturalmente dipende dalle sue dimensioni. Quindi leggere con cura. :)

Dopo il primo utilizzo della candela, la formazione di uno stagno pieno non è così essenziale, ma se volete godervi la vostra candela il più possibile, assicuratevi di avere il giusto tempo di combustione ogni volta, in modo che la cera possa "rinfrescare" la sua memoria. In questo modo si eviterà la formazione di croste e il coperchio brucerà magnificamente, avrà un buon profumo, un bell'aspetto e farà altre cose bellissime!

È buona norma spegnere la candela con un estintore o un tappo (solo se il materiale non è infiammabile!). Il fumo non è salutare, anche quando si utilizzano cere puramente naturali. Dopo aver spento la candela, assicurarsi di ventilare l'area per evitare di respirare inutilmente i fumi.

E se volessi usare profumi e colori?

Se desiderate delle candele profumate, dovete innanzitutto calcolare la quantità di fragranza che userete. La quantità di fragranza non dovrebbe superare il 10% del peso totale della cera, idealmente mantenendosi nell'intervallo 4-10%; naturalmente, le fragranze forti e pesanti tollerano una concentrazione inferiore, mentre le fragranze leggere e delicate devono essere utilizzate in misura maggiore. Come si calcola questo dato?

Semplice. Si utilizzano, ad esempio, 100 grammi di cera per la candela e si vuole aggiungere il 5% di fragranza. Quindi il calcolo è: 100 x 0,05 = 5. Quindi si aggiungono 5 grammi di olio essenziale, olio essenziale o fragranza.

Le fragranze vengono aggiunte alla cera riscaldata e rimossa dal fornello (in modo che la fragranza non evapori inutilmente in un ambiente caldo). Dopo aver aggiunto la fragranza alla cera, è molto importante mescolare la cera con uno spiedino per almeno 2 minuti per assicurarsi che le sostanze si mescolino correttamente e che le molecole di cera si combinino con le fragranze. Anche in questo caso, non frullare o avere fretta, ma versare lentamente. Fare candele è davvero un meraviglioso esercizio di pazienza. :)

Non è necessario pesare o contare la quantità di colore. Lavorerete con quantità molto ridotte. Il colore della candela è in realtà solo "sulla punta del coltello" nella cera - togliere la vernice dal pezzo con un coltello e mescolare il colore nella cera. Tenete presente che il colore della cera fusa è molto più ricco di quello che sarà il colore della candela polimerizzata.

Prima di iniziare a creare, abbiamo inserito un altro articolo utile, in cui troverete molti consigli e trucchi che vi faciliteranno la realizzazione e la prevenzione di eventuali inconvenienti. È questo: Fare candele con la cera di soia: i problemi più comuni e le loro soluzioni - Ekokoza.it. Leggilo anche se usi una cera diversa. :)

Ecco, siete equipaggiati, siete pronti. Ora non resta che iniziare.

Godetevi la produzione!

Materie prime
Stoppini con pennacchi
Stoppino Stabilo 18, per candela da 63 mm, 150 ml, 100 pz

Stoppino Stabilo 18, per candela da 63 mm, 150 ml, 100 pz

+ Stoppino Stabilo 18, per candela da 63 mm, 150 ml, 10 pz
10,25 EUR
Articoli
Ci teniamo alla tua privacy

A Ekokoza piacciono i cookie! I cookie ci aiutano a offrire i prodotti giusti, sconti piacevoli e altri ottimi servizi. Basta che ci diate il vostro consenso per utilizzarli!

Modifica le mie scelteConsenti tutto