Tutto sui filtri minerali - ossido di zinco e biossido di titanio nei cosmetici

Tutto sui filtri minerali - ossido di zinco e biossido di titanio nei cosmetici
L'ossido di zinco e il biossido di titanio sono oggi un argomento molto popolare nel campo della cosmesi naturale o dell'abbronzatura con filtri minerali. Tuttavia, entrambi hanno un potere molto maggiore di quanto si possa pensare!Ulteriori informazioni
Puoi acquistare i singoli ingredienti proprio sotto la procedura
Descrizione
L'ossido di zinco e il biossido di titanio sono i due prodotti che più probabilmente butterete nel vostro cestino ecologico quando vi accingerete a sperimentare una protezione solare fatta in casa. Quali sono i loro superpoteri e perché scegliere questi campioni? Filtri buoni e cattivi nei cosmetici per la protezione solare Abbiamo già parlato dei filtri UV minerali, ma ricapitoliamo. Nelle creme solari a base chimica troviamo filtri sintetici, come il killer dei coralli chiamato ossibenzone. Non solo soffoca i bellissimi e secolari coralli, ma penetra anche nella nostra pelle. Mentre le creme solari chimiche bloccano i raggi UVA e UVB con sostanze chimiche, le creme solari minerali utilizzano un filtro fisico per bloccare i raggi UV, che riflette i raggi solari. Se volete avere un'idea più precisa, si tratta in realtà di uno strato protettivo creato da minerali come questi nostri amici ossidi. Un grande vantaggio è che i filtri minerali rimangono sulla superficie della pelle e, a differenza dei filtri chimici, non la penetrano. Quindi, quando mettiamo una protezione solare con filtro minerale, possiamo uscire subito al sole. Le creme solari chimiche di solito richiedono mezz'ora per essere assorbite. Perché i filtri minerali funzionino in modo sicuro I filtri minerali utilizzano un sistema a specchio per riflettere le radiazioni UV. Possiamo immaginare piccoli specchi microscopici su tutta la pelle che riflettono le radiazioni pericolose nell'ambiente circostante. Per funzionare bene, la crema e il filtro minerale in essa contenuto devono essere distribuiti uniformemente su tutta la superficie della pelle. È quindi estremamente importante assicurarsi che il filtro sia miscelato correttamente quando si prepara una protezione solare fatta in casa. Per quanto riguarda il dosaggio, la percentuale di filtro minerale sul contenuto totale della crema deve essere almeno del 7%, ma non superiore al 25%. Inoltre, se si mette troppo ossido nella crema, si diventa bianchi dopo averla applicata. Il duo inseparabile È consigliabile non affidarsi a un solo ossido e inserire entrambi gli ossidi nella crema. Vanno di pari passo. L'ossido di zinco è in grado di riflettere sia i raggi UVA che quelli UVB, ma la protezione massima che può offrire in un cosmetico è SPF 10. Il biossido di titanio, invece, che può agire solo sui raggi UVB, può raggiungere un valore SPF più elevato; quindi, è semplicemente meglio inserirli entrambi nella crema. Non essere bianco come un cencio I filtri solari minerali sono assolutamente fantastici, ma hanno un piccolo (ma per molti -essenziale) svantaggio. Poiché i filtri minerali non vengono assorbiti dalla pelle, tendono a lasciare uno strato bianco sulla pelle. Ma attenzione! Questo difetto cosmetico non è niente che non si possa gestire. Se temete che la vostra abbronzatura non venga fuori con la protezione solare minerale o che abbiate un aspetto malsano, aggiungete semplicemente della polvere di mica o dell'ossido colorato al prodotto. La vostra pelle otterrà uno splendido colore fresco, oltre a una sottile luminosità! Tutti gli ori, i bronzi e gli arancioni sono perfetti per la cura della pelle in estate: adoriamo le tonalità Sunbeam Gold, Just Peachy e Gold Sparks. Se la vostra pelle è più scura, vi consigliamo di aggiungere anche un pizzico di colore marrone o di ossido rosso e giallo. Cos'è e cosa può fare? A meno che non stiate preparando una protezione solare per l'intero Klapzub Eleven, probabilmente vi saranno avanzati del biossido di titanio e dell'ossido di zinco. Per evitare che rimangano tristemente nell'armadio, è bene sapere che cosa sono in realtà queste due polveri bianche e a che cosa possono servire. Ossido di zinco L'ossido di zinco si può trovare con i termini bianco di zinco o con la denominazione chimica ZnO. È un minerale naturale che si presenta sotto forma di polvere bianca, insolubile in acqua. In natura lo troviamo sotto forma di zincite, ma viene prodotto in abbondanza anche in laboratorio. È particolarmente famoso nel campo delle creme solari naturali, dove viene utilizzato come filtro minerale naturale contro i raggi UV. Ma funziona anche come ottimo colorante bianco. È anche un ingrediente medicinale ed essenziale in alcuni prodotti cosmetici, mentre in campo farmaceutico viene utilizzato in unguenti e creme. Nella preparazione di cosmetici fatti in casa, può essere aggiunto a ombretti, fard, ciprie, rossetti, eyeliner, mascara, saponi fatti in casa, sali da bagno o persino smalti per unghie. Se avete comprato una cipria o un trucco troppo scuro, potete schiarirlo con l'ossido di zinco. (Ma attenzione, questa polvere bianca è davvero potente e si può facilmente andare in giro leggeri come una geisha). L'ossido di zinco è letteralmente benefico per la pelle. Oltre a fungere da protezione UV, ha anche grandi effetti rigenerativi, che lo rendono perfetto per favorire la guarigione di ustioni, eritemi da pannolino e altre lesioni cutanee. Le sue proprietà curative possono essere utilizzate anche nella cura della pelle acneica o eczematosa, dove può contribuire a ridurre l'infiammazione cutanea. La leggenda è naturalmente il buon vecchio e collaudato unguento allo zinco. È quello che possiamo spalmare su brufoli, ustioni ed eruzioni cutanee per accelerare la guarigione e il trattamento. Se non l'avete ancora in casa, non dovete assolutamente correre in farmacia. Preparatelo! Tutti gli ingredienti necessari e le istruzioni si trovano su Ekokoza e anche i principianti possono iniziare. È facile! Shh! Gli uccelli sul tetto ci sussurrano che c'è una soluzione per i nostri cari non viaggiatori: potete avere lo zinco finito, migliorato con la propoli, a casa vostra in pochi giorni senza doverlo mescolare! Lo zinco è anche un ottimo combattente del sudore - è in grado di assorbire l’umidità; quindi, non manca in molti deodoranti naturali. E se volete approfondire il più possibile la vostra amicizia con l'ossido di zinco, abbiamo qualche altro consiglio per voi. Ora che è arrivata l'estate, probabilmente vi procurerete con gratitudine un deodorante allo zinco e vi insaponerete la sera con una doccia fresca con un sapone allo zinco, che gli amanti del fai-da-te possono realizzare in casa: ecco una ricetta ricca di ingredienti nutrienti che lasceranno la pelle assopita. Biossido di titanio Biossido di titanio, bianco di titanio o TiO2: sotto questi nomi possiamo trovare il nostro secondo aiutante, che ha il suo giusto posto non solo nel mondo dei cosmetici. Il biossido di titanio viene spesso utilizzato come pigmento grazie alla sua forte luminosità e all'indice di rifrazione molto elevato. In questa applicazione, anche la sua resistenza ai raggi UV rappresenta un vantaggio. Assorbe i raggi UV e li converte in calore innocuo. L'elevata riflettività, la luminosità e la stabilità del colore lo rendono inoltre un materiale adatto all'uso come rivestimento sottile su ottiche speciali come gli specchi dielettrici. In cosmetica viene utilizzato principalmente come pigmento bianco, ma anche nei tatuaggi. Tuttavia, possiamo trovarlo ovunque intorno a noi, ad esempio nel dentifricio, nella carta, nel pane bianco, nelle vernici... Il biossido di titanio è praticamente ovunque! Il biossido di titanio viene utilizzato anche nella produzione di cosmetici decorativi per la casa, dal correttore al trucco, alla cipria e agli ombretti! Abbiamo una ricetta per realizzare il trucco minerale fatto in casa per le ragazze che sfilano, che utilizzerà anche la vostra scorta di ossido di zinco. Potete poi aggiungere un pizzico di biossido di titanio anche a questa crema viso colorata e avrete tutto il necessario nella vostra trousse! Utilizzate l'ossido di zinco e il biossido di titanio nella produzione? Fonti: * https://dspace.cuni.cz/bitstream/handle/20.500.11956/23604/140002678.pdf?sequence=1&isAllowed=y * https://www.ewg.org/enviroblog/2008/07/how-choose-better-sunscreen * https://www.klinickafarmakologie.cz/pdfs/far/2012/03/11.pdf * https://www.researchgate.net/publication/5581430_Mineral_filters_in_sunscreen_products_-_Comparison_of_the_efficacy_of_zinc_oxide_and_titanium_dioxide_by_in_vitro_method * https://chemistconfessions.com/pro-tips/a-chemists-guide-to-finding-a-sunscreen-filters-guide/
Articoli
Ci teniamo alla tua privacy

A Ekokoza piacciono i cookie! I cookie ci aiutano a offrire i prodotti giusti, sconti piacevoli e altri ottimi servizi. Basta che ci diate il vostro consenso per utilizzarli!

Modifica le mie scelteConsenti tutto