Fare il sapone fatto in casa con Zdenička - Direttamente dall'apicoltore

60 min
Avanzato
Fare il sapone fatto in casa con Zdenička - Direttamente dall'apicoltore
State per realizzare il vostro primo sapone fatto in casa? O state rimandando la produzione per paura della soda caustica? Allora diamo fine a queste scuse! Zdenička del nostro amato blog e negozio Direct from the Beekeeper ha creato il tutorial perfetto per un sapone naturale che potete realizzare anche con la vostra mano sinistra! Ulteriori informazioni
Ingredienti per questa ricetta250g di olio d"oliva125g di olio di cocco125g di burro di karité
Acquista gli ingredienti per l'intera ricettaNel cestinoO
Puoi acquistare i singoli ingredienti proprio sotto la procedura
Descrizione

Realizziamo il primo sapone: una ricetta semplice e alla portata di tutti

Il primo sapone è per tutti un'esperienza che si ricorda per tutta la vita. Per me, ad esempio, è iniziato con la paura e la preoccupazione per l'idrossido e per il fatto se stavo facendo tutto bene. Una volta che ho dato forma al sapone, c'è stato un tempo interminabile di attesa per il primo taglio e per scoprire se tutto fosse andato bene. Alla fine, però, sono stata la felice proprietaria del mio sapone autoprodotto. La sensazione è stata magnifica. :)

E se state per fare il vostro primo sapone, questo articolo è per voi: vi mostrerò come farlo e condividerò una semplice ricetta per il vostro sapone.

Se siete agli inizi, sicuramente avete il desiderio di realizzare saponi colorati e profumati. Vi dico subito, però, che non tingeremo o profumeremo questo sapone. Siete delusi?

Non lo siate!

Il vostro primo sapone è un'introduzione al mondo della saponificazione e se iniziate a provare gradualmente, eviterete problemi e preoccupazioni inutili. Ecco perché inizieremo con un normale sapone. È anche per vedere come si comportano l'olio e la liscivia quando sono combinati insieme senza essere influenzati da altri ingredienti aggiunti (sia alcuni coloranti che oli essenziali e altri additivi possono influenzare il comportamento della massa di sapone).

Il mio primo sapone. :) Tutti hanno iniziato in qualche modo, l'importante è iniziare in qualche modo. :)

Ricetta per il primo sapone

Così ho scelto una ricetta di base, semplice e funzionale per il primo sapone. Fornisco sia le percentuali che i pesi specifici per la produzione di sapone da mezzo chilo di oli (per ottenere circa 700 grammi di sapone). Se si desidera realizzare un sapone più piccolo o più grande, è necessario ricalcolare la ricetta. Potete leggere come fare nell'articolo sull'utilizzo di una calcolatrice per sapone qui.

- 50 di olio d"oliva (250 grammi) - ottimo per la cura della pelle

- 25  di olio di cocco (125 grammi) - deterge e garantisce una schiuma sufficiente

- 25 di burro di karité (125 grammi): grazie ad esso il sapone è durevole e non si lava via facilmente

Quindi abbiamo un 50 di oli liquidi e un 50 di oli solidi.

L'olio d'oliva può essere utilizzato sia vergine che di sansa. Con il vergine, il sapone andrà molto lentamente in traccia e non possiamo fare a meno di un frullatore (che può essere usato in seguito per i saponi a motivi). La sansa, invece, reagisce prontamente e quindi il sapone può essere miscelato senza l'uso di un frullatore. Scegliete quello che fa per voi, non c'è una scelta sbagliata e dipende da voi.

Ecco come si presenta la tabella di calcolo del sapone. Non preoccupatevu, ho già calcolato tutto per voi. :)

Nel calcolatore SoapCalc, ho calcolato per voi la quantità di idrossido e acqua necessaria per questa particolare ricetta per una specifica quantità di oli - per 500 grammi di oli, abbiamo bisogno di 133 grammi di acqua e 66 grammi di idrossido.

Poiché ogni olio ha un diverso valore di saponificazione, dobbiamo sempre ricalcolare la ricetta quando cambiamo l'olio o la quantità. Consiglio anche di ricalcolare le ricette che si trovano su Internet. Non si può mai sapere se la persona in questione si è espressa male nella ricetta: il risultato potrebbe essere un sapone non sicuro e nessuno lo vuole. Una certezza è una certezza.

Ma torniamo al nostro sapone. Ho scelto l'8% di acqua e un rapporto 2:1 tra acqua e idrossido. L'overflow è un valore che ci dice quale percentuale di acidi grassi rimane nel sapone dopo il processo di saponificazione. L'overflow indica la quantità di olio che rimane nel sapone dopo la reazione dell'idrossido. Si prende cura della pelle e ne impedisce la secchezza.

Dove trovare l'idrossido? Dimenticate assolutamente l'idrossido della farmacia, dovete usarne uno di buona qualità, concepito per la produzione cosmetica, nel sapone. È possibile acquistare questo prodotto nei negozi di cosmetici. Quelli della farmacia sono di scarsa qualità e non abbastanza concentrati, tanto da rovinare l'intero sapone.

SICUREZZA

Attenzione! L'idrossido è un forte corrosivo. Se la pelle è stata colpita da spruzzi, deve essere sciacquata immediatamente con abbondante acqua fredda. In caso di contatto con gli occhi, sciacquare con acqua e chiamare immediatamente un medico!

Non è necessario preoccuparsi della soda caustica. Basta rispettare ed essere consapevoli dei suoi pericoli. Se si seguono tutte le norme di sicurezza - guanti, occhiali e abbigliamento adeguato - il rischio di schizzi è relativamente basso.

Al lavoro!

Prepariamo tutto il necessario e bandiamo animali domestici, bambini, mariti e simili dall'area di lavoro. È sufficiente essere assolutamente calmi per il primo sapone.

Indossare l'equipaggiamento protettivo (occhiali e guanti), pantaloni lunghi e camicia a maniche lunghe.

In un contenitore (in acciaio inox o plastica - resistente al calore, mai usare il vetro!), si pesa la quantità necessaria di acqua demineralizzata o distillata, nell'altro contenitore si pesa l'idrossido.

Quindi versare lentamente l'idrossido nell'acqua. Mai il contrario, può verificarsi una reazione violenta e un infortunio! Durante la dissoluzione si liberano vapori che non devono essere inalati. Quindi aprite la finestra, allontanate il viso dalla bacinella, versate lentamente l'idrossido nell'acqua, mescolate e andate nella stanza accanto per un po'. Quando l'idrossido si scioglie nell'acqua si sprigiona molto calore e la soluzione può raggiungere i 90°C, quindi fate attenzione.

Una volta che l'idrossido è completamente sciolto, lasciarlo raffreddare in un luogo sicuro.

Mentre la liscivia si raffredda, pesiamo i grassi. Mettere i grassi solidi (burro di karité e olio di cocco) in una ciotola e farli sciogliere a bagnomaria. Nell'altra, pesare gli oli liquidi (in questa ricetta si tratta di olio d'oliva).

Prima di sciogliere i grassi solidi, prepariamo lo stampo. Lo stampo può essere di plastica (adatto al forno) o di silicone. Io uso quelli di legno, ma devono essere foderati con carta da forno (in anticipo! Poi non ci sarà più tempo :). Gli stampi possono essere acquistati online oppure si può acquistare uno stampo in plastica o silicone resistente al calore in un negozio per casa. La forma non ha molta importanza, purché il sapone entri nello stampo e sia facile da estrarre.

Una volta che la temperatura degli oli e dell'idrossido è scesa a circa 36-38°C (la liscivia deve sempre essere di qualche grado superiore agli oli), versare lentamente la soluzione di idrossido negli oli. Mescolare prima con una spatola e osservare cosa succede alla massa. Poi prendete un frullatore a immersione e frullate delicatamente al minimo per qualche secondo. Mescolare la massa con la spatola e osservare come è cambiata. Continuate così fino a quando non vedrete una traccia sulla superficie del sapone.

Come riconoscere la pista giusta? Se si preleva un po' di massa su una spatola e la si lascia ricadere nella ciotola, si formerà una piccola increspatura sulla superficie per un momento prima che si unisca al resto della massa. A questo punto abbiamo una massa omogenea che è pronta per essere versata nello stampo. Se la traccia non è ancora visibile, è necessario continuare a mescolare.

Prendetevi il tempo necessario. Osservate come si comporta il sapone e come cambia la massa: colore, densità, consistenza. Questa è una delle parti più importanti della produzione del sapone e non deve essere trascurata.

Questa è già una traccia molto densa, ha la consistenza di un budino. Ha la consistenza di una pastella per pancake.

Una volta ottenuta una traccia, possiamo versare la massa di sapone nello stampo preparato. Versare il tutto, foderando il piatto se necessario. Ora dobbiamo solo assicurarci che gli oli e la liscivia reagiscano tra loro per creare il nostro sapone. :)

Ecco alcuni modi per procedere. Possiamo mettere il sapone in forno a 55°C per circa 2 ore e poi lasciarlo nel forno fino a quando non si raffredda (qui bisogna essere sicuri che il forno mantenga questa temperatura e non salga spontaneamente - potrebbe surriscaldare il sapone). L'altra opzione consiste nell'avvolgere lo stampo con il sapone in una coperta e metterlo vicino a un termosifone per 24 ore, ad esempio. Il sapone ha bisogno di calore per la fase gel, durante la quale la maggior parte dell'idrossido reagisce per formare il sapone.

Entrambe le opzioni vanno bene, dipende da quanto siete impazienti. :)

Questo è l'aspetto del gel in corso: il sapone "cola" e si scurisce notevolmente. Non preoccupatevi, una volta raffreddato, il sapone sarà di nuovo solido e riacquisterà il suo colore morbido.

Poi basta tagliarlo (si può usare un coltello, una spatola) e lasciare il sapone in un luogo asciutto e ben ventilato per qualche settimana a maturare. Il minimo è di 3 settimane e per il nostro primo sapone questo tempo dovrebbe essere sufficiente, ma più il sapone è vecchio, migliori sono le sue proprietà. Quando il sapone matura perde acqua e forma il cosiddetto reticolo cristallino. L'invecchiamento rende il sapone più delicato e, cosa più importante, dura più a lungo - non si lava via.

È così che ho tagliato il mio primo sapone - di notte, con un coltello, ero così eccitata :)

È buona norma controllare il pH del sapone con le cartine tornasole che si possono acquistare in farmacia prima di utilizzarlo. Il valore del pH misurato del sapone così prodotto dovrebbe essere di 8-10. Vedere questo articolo per altri metodi di controllo del sapone.

E abbiamo finito! Ora bisogna resistere per almeno queste 3 settimane... almeno perché più il sapone invecchia, più le sue proprietà migliorano. I saponi iniziano ad essere molto piacevoli a 3 mesi, ma chi vorrebbe aspettare all'inizio? :)))

Congratulazioni per il tuo primo sapone e ti auguro un'altra bella creazione di sapone. :)

Grazie mille a Zdenička e Petr, che sono dietro il bellissimo Direct from the Beekeeper, per l'opportunità di collaborare e condividere l'articolo!

Ne vale la pena!

Materie prime
250g di olio d"oliva
125g di burro di karité
Articoli
Ci teniamo alla tua privacy

A Ekokoza piacciono i cookie! I cookie ci aiutano a offrire i prodotti giusti, sconti piacevoli e altri ottimi servizi. Basta che ci diate il vostro consenso per utilizzarli!

Modifica le mie scelteConsenti tutto